Sirolo e la Riviera del Conero

Chi ha in mente di organizzare un viaggio sulla Riviera del Conero può pensare di prenotare un hotel a Sirolo, paesino di origini medievali collocato tra il turchese delle acque del mare e il verde della vegetazione che cresce sul monte. Tra rupi scoscese e spiagge selvagge, questa località è da anni Bandiera Blu, e proprio per questo motivo rappresenta la destinazione più indicata per chi è in cerca di vacanze piacevoli e rilassanti. Qui si è sviluppata la civiltà picena fino al III secolo avanti Cristo, prima dell’arrivo dei Romani; la denominazione del posto deriva con tutta probabilità da Sirio, un condottiero a cui il territorio era stato attribuito in seguito a un successo ottenuto contro i Goti.

Diventata una rocca fortificata nel Medio Evo per resistere agli assalti dei barbari e per evitare le scorribande dei pirati, con il passare degli anni Sirolo si è caratterizzata in modo sempre più evidente per il suo impianto viario a graticcio, con torri e vicoli. Dopo essere stato un feudo di nobili di origine germanica (i conti Cortesi), nella prima metà del XIII secolo è stato ceduto ad Ancona, per poi passare allo Stato pontificio: successivamente sono state fondate la chiesa del Rosario e la chiesa di San Nicolò, ancora oggi esistenti.

Che cosa si può fare a Sirolo

Il mare rappresenta il richiamo più importante per i turisti, come nota Goodmarche.com, portale dedicato alle bellezze marchigiane. Sia il litorale meridionale che il litorale settentrionale possono essere goduti anche perché la presenza umana è molto limitata. Le scogliere a strapiombo sull’Adriatico sono il simbolo di un paesaggio che, per fortuna, è tutto sommato abbastanza inaccessibile. Non che le strutture balneari manchino del tutto, ma l’antropizzazione è comunque limitata. Tra le numerose attività a cui ci si può dedicare ci sono, in ogni caso, il kitesurf, il windsurf e più in generale tutti gli sport acquatici.

Nella spiaggia dei Sassi neri sono molte le persone che praticano il nudismo: si tratta di un lido abbastanza difficile da raggiungere, ideale per chi ama una natura selvaggia e aspra. Si può raggiungere questa spiaggia in autobus o in macchina, ma in alternativa può essere piacevole concedersi una camminata all’interno del Parco della Repubblica. Non va dimenticato che la spiaggia non è di sabbia ma di ghiaia; inoltre, ci sono molte rupi e altrettanti scogli. Per questo motivo è meglio evitare di camminare a piedi nudi, optando per un paio di scarpe da ginnastica.

Ma come si arriva a Sirolo? In auto, è necessario percorrere l’Autostrada A14 per poi uscire ad Ancona Sud Osimo o a Porto Recanati Loreto; quindi, seguendo le varie strade provinciali è sufficiente tenere conto delle indicazioni dei cartelli stradali per giungere a destinazione. Chi non vuole usare l’autostrada, invece, può fare riferimento alla SS16 Adriatica. Il paese non è servito da alcuna linea ferroviaria: pertanto chi si muove con i mezzi pubblici può arrivare in treno alla stazione di Ancona e da lì prendere un autobus fino a destinazione.