Sedie di design, qualche consiglio per la scelta

La funzionalità è una delle caratteristiche a cui si deve prestare più attenzione nel momento in cui ci si dedica alla scelta delle sedie di design che sono destinate a un ambiente domestico, ma ciò non vuol dire che non si debba pensare all’aspetto estetico. Questo implica, per esempio, fare riferimento ai criteri di abbinamento con il tavolo e con gli altri elementi dell’arredo, ma anche al desiderio di conferire agli ambienti una personalità ben definita, senza rinunciare al comfort percepito. Per fortuna sul mercato si possono trovare numerose opzioni, anche molto diverse tra loro, destinate a soddisfare tutti i gusti: dai toni neutri alle tinte più vivaci, dalle configurazioni più tradizionali alle forme più innovative, ogni proposta è sinonimo di qualità, tra linee funzionali, decorazioni speciali e grande attenzione all’ergonomia.

Lo scopo delle sedie di design

Non è superfluo pensare, prima di completare un acquisto, al compito che le sedie di design saranno chiamate a svolgere una volta che troveranno posto in casa. Si pensi, per esempio, alle sedute per le cucine a isola o per i banconi che sono sempre più di moda nelle cucine odierne: in tal caso sono da preferire gli sgabelli, che tuttavia sacrificano almeno in misura parziale la comodità sull’altare dello stile e della contemporaneità. Per altro, il mercato propone anche modelli che consentono di regolare l’altezza della seduta, così come soluzioni munite di poggiapiedi. Per chi ha paura di stancarsi o di affaticarsi più del dovuto, non mancano gli sgabelli dotati di schienale, utile per impedire che la zona lombare risenta, con il passare del tempo, della mancanza di un appoggio, a maggior ragione nel caso di un impiego prolungato.

Le sedie di design per esterni

Nel catalogo di Cappellini che si può visitare al link https://www.cappellini.it/it/prodotti/sedie-e-poltroncine sono disponibili anche sedute per esterni, che ovviamente sono studiate e realizzate per essere in grado di resistere agli agenti atmosferici e, più in generale, alle condizioni meteo meno favorevoli. Un altro requisito molto importante, poi, è quello dell’impermeabilità, per evitare che la pioggia e l’umidità possano rovinare i materiali e i rivestimenti. Per le terrazze e per i giardini si può andare sul classico, e quindi optare per prodotti in legno, ma a condizione che essi siano trattati con vernici ad hoc o comunque con impregnanti che prevengano la comparsa di parassiti, di funghi e di muffe, ma anche gli effetti dei raggi UV. Possono essere trattate anche le sedute in midollino o rattan, ma in questi casi esse devono comunque essere collocate al chiuso quando fa freddo: in caso contrario le fibre si potrebbero scurire e i colori originali si potrebbero alterare.

La scelta dei materiali

Come è evidente, la scelta dei materiali per le sedie di design è molto importante soprattutto se esse sono destinate agli ambienti esterni: in tali circostanze si può fare sicuro affidamento sull’acciaio zincato o sull’acciaio inox, ma anche sull’alluminio, dal momento che si tratta di soluzioni che garantiscono una resistenza alla corrosione ottimale. Certo, le differenze con il legno sono chiare sul piano estetico, e tutto dipende dallo stile dell’ambiente circostante.

Non è da sottovalutare, poi, l’ipotesi di ricorrere a prodotti dotati di gambe in tubi di acciaio e scocca in polipropilene o un altro materiale plastico colorato. Al di là degli abbinamenti cromatici che ne possono derivare, una soluzione di questo tipo è improntata alla longevità e alla possibilità di usufruire di sedie in grado di resistere a urti e sollecitazioni, sia all’aria aperta che in sala da pranzo o in cucina.