. . .

Pagamenti contactless: cosa sono e come funzionano

contactless

Oggigiorno le carte bancarie sia esse di credito o di debito sono sempre più utilizzate poiché riescono a essere uno strumento di pagamento comodo, rapido, sicuro e praticamente utilizzabili ovunque ci si trovi. Ultimamente poi si può notare come la pressoché totalità di tutte le carte emesse sia dotata di funzionalità contactless.

Tale funzione, però, spesso è oggetto di discussione per motivi riguardanti la sicurezza e in questo articolo cercheremo di fare un po’ di chiarezza e di illustrare come funzionino effettivamente le carte contactless.

contactless

Come funziona una carta contactless?

Si tratta di una funzione estremamente semplice da padroneggiare e ancora più semplice da capire. Il suo funzionamento, infatti, si basa essenzialmente sulla vicinanza tra una carta munita di apposito chip e un terminale compatibile. Una volta che i due suddetti elementi sono posti in condizione di prossimità sufficiente viene generata una connessione che autorizza il pagamento.

Magia? No, nulla di tutto questo, semplicemente tecnologia NFC. La tecnologia NFC, oggigiorno presente anche su diversi dispositivi tecnologici e sulla maggior parte degli smartphone e tablet, è un sistema di trasmissione wireless il cui scopo è per l’appunto quello di identificare il mezzo utilizzato, in questo caso una carta, e autorizzare il pagamento.

Le carte dotate di tale funzionalità posseggono al loro interno una minuscola antenna NFC ed è proprio questa a favorire l’interfaccia con un terminale POS. A dispetto di quanto comunemente si pensi, però, l’antenna NFC non va confusa con il chip dorato visibile sulle carte.

Da un punto di vista puramente teorico la tecnologia NFC ha un raggio d’azione quantificabile in 10 – 20 centimetri, nella pratica però le cose sono ben diverse e oltre i 5 centimetri sarà difficile che si generi una connessione valida e funzionante.

Volete sapere se la vostra carta è effettivamente dotata di funzionalità NFC? Non dovete far altro che osservare la sua superficie e individuare il relativo simbolo composto da 3 onde bianche.

Carta contactless e sicurezza: vera minaccia?

Non è la prima volta che vengono sollevate questioni relative all’effettiva sicurezza della tecnologia NFC, però quando questa è strettamente correlata con un mezzo di pagamento ecco che le domande sono più che legittime e necessitano certamente di una risposta risolutrice.

Allora, iniziamo dicendo che il limite di pagamento massimo accettabile grazie a questo metodo è di 25 Euro per singola transazione, oltre tale importo sarà necessario inserire la carta nel POS e digitare il codice PIN della carta.

Appurata questa verità ci si potrebbe giustamente chiedere se passando accanto a un POS si corra il rischio di generare una transazione non voluta con conseguente esborso di denaro, vediamo di scoprirlo!

A livello teorico il rischio esiste ed è concreto, ma nella pratica è abbastanza complicato che possano verificarsi le condizioni necessarie per autorizzare un pagamento. Spesso un semplice tessuto o vestito è più che sufficiente per interferire sulla trasmissione e medesimo discorso vale anche laddove si abbia paura che uno sconosciuto possa cercare di prelevare fondi dalla vostra carta.

contactless

Usare il contactless conviene?

Come detto, ciascun pagamento contactless si basa su una trasmissione di dati criptati e stabilita tra una carta e un terminale POS autorizzato. Ogni singola transazione, inoltre, può essere identificata da un codice di autorizzazione specifico e valido singolarmente.

Affinché il pagamento possa essere autorizzato è indispensabile che carta e POS siano posti a una distanza di una manciata di centimetri e bisogna poi anche considerare come sussistono delle limitazioni giornaliere per questa tipologia di pagamento.

Poter effettuare un acquisto d’importo pari o inferiore ai 25 Euro senza dover inserire la carta e digitare il PIN è certamente un metodo molto più immediato e semplice.

Senza poi dimenticare che in un periodo come quello odierno caratterizzato da un’emergenza sanitaria in atto, la possibilità di eseguire un pagamento riducendo al minimo i contatti rientra tra gli innegabili vantaggi.